Guerra delle immagini e fotografia giornalistica.pdf

Guerra delle immagini e fotografia giornalistica

Alessio Conca

I traccianti luminosi nel cielo buio di Baghdad, 1991. Le sofferenze dei civili nella ex Iugoslavia. La tragedia degli israeliani e dei palestinesi. I corpi e i volti dei profughi kosovari stremati dalla fame. Le Twin Towers. Gli attentati e le aggressioni che percorrono le strade del mondo: dai resti dei treni di Madrid, ai bambini spogliati e insanguinati di Beslan, per arrivare allangoscia soffocata nei volti dei passeggeri della metropolitana di Londra. Un blob di fotogrammi tratto casualmente dalle cronache degli ultimi anni del novecento e dai primi del duemila, che mostra la centralità che le immagini hanno assunto nel dilatare locchio e la visione umana a campi di esperienza che un tempo gli erano preclusi. Tutto è immagine. Le immagini sono, in pratica, il mondo che noi vediamo. Obiettivo del libro è di fornire una risposta a un interrogativo di fondo. Quale visione della guerra, in termini di contenuti e significati, è trasmessa al pubblico dallo sterminato flusso di immagini fotografiche che invadono la stampa? Per farlo lautore ha preso in considerazione un caso specifico degli ultimi anni: la seconda guerra americana in Iraq.

La fotografia non è mai stata dunque un'autopresentazione della realtà ma sempre ... Nel caso della guerra di Crimea intervennero poi altri fotografi (il francese ... fotografiche e insieme un nuovo stile di fare giornalismo, dove l' immagine non ... Il fotoreporter (detto anche fotocronista) è un giornalista che racconta i fatti attraverso le immagini fotografiche. Oltre a raccontare la cronaca con le immagini è spesso autore degli articoli ... è parte della serie. Giornalismo ... La manipolazione delle fotografie è l'alterazione dell'immagine e del suo significato. Secondo lo ...

5.92 MB Dimensione del file
886259044X ISBN
Gratis PREZZO
Guerra delle immagini e fotografia giornalistica.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.cmdbase.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Nato nel 1913 a Budapest col nome di Endre Ernő Friedmann, il futuro Capa aveva iniziato a lavorare in uno studio fotografico nei primi anni ’30, a Berlino. Da piccolo il sogno di Robert Capa era quello di diventare uno scrittore, ma la sua amicizia con Simon Guttmann lo fa avvicinare al mondo della fotografia. Dopo pochi mesi comincia a collaborare con l’agenzia giornalistica Dephot. Associated Press, l’agenzia giornalistica statunitense, ha raccolto in un libro che uscirà l’1 ottobre, intitolato Vietnam: The Real War, 250 fra le migliori fotografie scattate dai suoi

avatar
Mattio Mazio

13 mag 2019 ... Raccontare la guerra in immagini, dove la violenza non è nelle azioni ritratte, ... Sono sue le fotografie protagoniste della mostra realizzata da ... ho provato ad ampliare la visione giornalistica per comunicare qualcosa in più», ...

avatar
Noels Schulzzi

L’archivio fotografico dell’Istituto Luce, con il suo patrimonio di oltre 3 milioni di immagini, documenta tutto il Novecento ed è una fedele cronaca dei cambiamenti del nostro Paese. I fondi di prima acquisizione e di produzione istituzionale coprono un arco temporale esteso, raccontando eventi, pa Felice Beato raccontò il mondo quando la fotografia era ancora fotoreportage dalle zone di guerra, inaugurando una scuola giornalistica che un adeguato fondo di immagini,

avatar
Jason Statham

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Ma questo libro, finalmente tradotto in italiano, dovete comunque leggerlo, se amate la fotografia e il fotogiornalismo, o anche se amate più in generale la storia e le sue rappresentazioni. Questo libro ci parla di una battaglia che va oltre la guerra di Spagna. La grande battaglia fra le parole e le immagini.

avatar
Jessica Kolhmann

L’archivio fotografico dell’Istituto Luce, con il suo patrimonio di oltre 3 milioni di immagini, documenta tutto il Novecento ed è una fedele cronaca dei cambiamenti del nostro Paese. I fondi di prima acquisizione e di produzione istituzionale coprono un arco temporale esteso, raccontando eventi, pa Felice Beato raccontò il mondo quando la fotografia era ancora fotoreportage dalle zone di guerra, inaugurando una scuola giornalistica che un adeguato fondo di immagini,