Il distretto e i nuovi LEA: unulteriore opportunità per la promozione della salute.pdf

Il distretto e i nuovi LEA: unulteriore opportunità per la promozione della salute

Rosario Mete, Piero Salvadori

Il nostro Paese si trova, attualmente, in una fase che potremmo definire “critica”, in quanto sta uscendo, seppur lentamente e a fatica, da una crisi economica che ne ha rivelato la debolezza, e versa in una situazione politica che non è in grado di assicurare certezze per il futuro. Questa condizione ha dimostrato che gli avanzamenti in termini di benessere economico e sociale, anche una volta raggiunti, non sono definitivi, ma possono essere minati profondamente dal susseguirsi di tutte quelle sfide a cui quotidianamente il nostro Paese è chiamato a far fronte.In ambito sanitario, il nostro Sistema Sanitario Nazionale è stato messo a dura prova dalla crisi economica, che ha determinato un necessario contingentamento delle risorse economiche e che ha sollevato molti dubbi sulla reale sostenibilità di un sistema assistenziale pubblico e universalistico. A questo si aggiunge il costante pericolo di una gestione delle risorse inadeguata ed inefficiente, pericolo che appare tanto più concreto, quanto più il nostro sistema sanitario va progressivamente frammentandosi a livello regionale.Un tale processo è il risultato della politica di decentramento dell’organizzazione sanitaria che è stata condotta durante gli ultimi venticinque anni, attraverso l’aziendalizzazione di ospedali e Aziende Sanitarie Locali prima, e l’applicazione, anche nella sanità pubblica, del federalismo fiscale poi. Questa politica é stata concepita con la finalità di costruire un sistema sanitario capace di rispondere in modo più efficace e puntuale ai bisogni di salute peculiari delle diverse territorialità.Nonostante le intenzioni, e nonostante i meriti che queste riforme hanno avuto, in termini di conseguenze positive sulle condizioni di salute della popolazione, tuttavia tali riforme hanno portato anche a delle problematiche di cui, nel presente, vediamo gli effetti. Tra i meriti, non si può non menzionare l’introduzione, nel 2001, dei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), che garantiscono a tutti i cittadini, da parte del Servizio Sanitario Nazionale, prestazioni e servizi ritenuti essenziali, in forma gratuita o con una quota di partecipazione.D’altro canto, però, appaiono evidenti alcune criticità insite nella coesistenza di tanti sistemi sanitari differenti quante sono le regioni italiane, i cui effetti sono misurabili attraverso indicatori demografici e di salute. Ad esempio, considerando la sopravvivenza, si registrano 3 anni di differenza tra chi nasce nella provincia autonoma di Trento (che detiene il primato di speranza di vita alla nascita) e chi nasce in Campania (che presenta i valori più bassi). Questo dato permette di riflettere su come una gestione frammentaria della sanità pubblica rischia di creare delle disuguaglianze tra individui residenti in regioni differenti, ma cittadini dello stesso Paese.Un’altra criticità, strettamente connessa all’urgenza di un efficientamento nella distribuzione delle risorse, è quella legata alla non adeguata risposta delle politiche sanitarie ai cambiamenti demografici ed epidemiologici degli ultimi decenni. Stiamo assistendo, infatti, a un progressivo incremento dell’età media della popolazione italiana, dovuto sia al continuo avanzamento nei campi della prevenzione, diagnosi e terapia di condizioni morbose, sia alla inesorabile riduzione del tasso di fecondità.L’invecchiamento della popolazione si associa, inevitabilmente, all’aumento della prevalenza di malattie croniche e degenerative, con conseguente aumento del carico assistenziale. Per rispondere a questa crescente complessità dei bisogni della popolazione, sarà importante puntare, con sempre maggior decisione -e quindi maggiori risorse-, sulla centralità dell’assistenza primaria, spostando la prospettiva dal contesto ospedaliero a quello territoriale, che comporta una presa in carico dell’individuo nel tempo e nei suoi peculiari bisogni assistenziali, in termini di cura e trattamento, nonché di prevenzione.Tutto questo richiede uno sforzo, non solo economico, ma anche, e prima ancora, di programmazione sanitaria e sociosanitaria, di gestione della complessità nel momento presente, ma con uno sguardo al futuro. Solo in questo modo appare possibile mantenere un Sistema Sanitario Nazionale come quello italiano che si é dimostrato, nonostante le difficoltà, comunque efficace, solidale ed equo.

13 ago 2019 ... Promozione della “salute in tutte le politiche” con un Piano di azione intersettoriale. 24. 6.2 ... Nazionale delle Cronicità rappresenta una grande opportunità per favorire la presa in carico del paziente, il miglioramento dei ... Gli strumenti di analisi epidemiologica del patrimonio informativo regionale e i modelli di stratificazione della popolazione ... di cui all'articolo 38, comma 2, dei nuovi LEA (DPCM 12 gennaio 2017) che garantisce a tutti i neonati le prestazioni .

9.14 MB Dimensione del file
8865151366 ISBN
Gratis PREZZO
Il distretto e i nuovi LEA: unulteriore opportunità per la promozione della salute.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.cmdbase.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Direzione e Redazione: Centro sperimentale per la promozione della salute e l' educazione sanitaria, Università degli Studi di ... health, climate change, and migration nel quale si riferisce su una nuova disciplina, la ... rifiuti non riciclabili e inquinamento, interferisce in maniera distruttiva con l'ecosistema e i ... La Placa S , Da Riol R. Bambini stranieri, minori migranti: sfida e opportunità per la tutela e la pro- ... fronteggiare nuovi rischi sociali e sanitari propri dei contesti di destinazione.

avatar
Mattio Mazio

Autore: Mete - Salvadori, Categoria: Libri, Prezzo: € 46,55, Lunghezza: 536 pagine, Editore: Seu, Titolo: Il distretto e i nuovi LEA: un' ulteriore opportunita' per la promozione della salute.

avatar
Noels Schulzzi

1 giu 2017 ... Il distretto e i nuovi LEA: un'ulteriore opportunità per la promozione della salute è un libro di Rosario Mete , Piero Salvadori pubblicato da SEU : acquista su IBS a 46.55€! Risparmia comprando online a prezzo scontato Il Distretto e i nuovi LEA scritto da Rosario Mete, Piero Salvadori e pubblicato da SEU Società Editrice Universo. Libreria ... sottotitolo, un'ulteriore opportunità per la promozione della salute.

avatar
Jason Statham

Con questa giornata si intende affrontare queste nuove sfide, prendendo a spunto dalla pubblicazione del libro il distretto e i nuovi lea, un’ulteriore opportunità per la promozione della salute, autori dott. Rosario mete e piero salvadori, per analizzare la situazione attuale e proporre nuove strategie . il dip.

avatar
Jessica Kolhmann

Città per camminare e della salute: un progetto innovativo tra territorio e ... Promozione dell'attività fisica nel diabete di tipo due: un progetto locale ... capacità di concentrare opportunità di lavoro, ser- ... ulteriormente in pericolo la salute di coloro che ... i nuovi strumenti della “eHealth” e i nuovi stru- ... E' in Italia il primo Distretto internazionale per ... mente di rivedere con Regione i LEA in maniera. che i diversi documenti di programmazione di Ambito, di Distretto e di Zona sociale devono possedere. ... Il modello Guadagnare Salute: costruire la rete per la prevenzione e la promozione della salute ... L'adeguamento dell' organizzazione e i professionisti della sanità pubblica: flessibilità, efficacia e ... una ulteriore opportunità di avviare questo percorso in virtù del fatto che il Comune di Trevi, 8.500.