Perché la sociologia? Incontro con Franco Ferrarotti.pdf

Perché la sociologia? Incontro con Franco Ferrarotti

U. Melotti, L. Solivetti (a cura di)

Franco Ferrarotti, il più noto sociologo italiano vivente, è ben più che un accademico. Il suo contributo allo studio della società è cominciato ben prima della sua pur lunga attività universitaria. Sin dagli anni Cinquanta si è impegnato per il rilancio in Italia della sociologia, che, già colpita dal fascismo, incontrava ancora lostilità sia del dominante gruppo culturale neoidealista, sia degli influenti intellettuali di orientamento marxista. Insofferente dei condizionamenti accademici, ha svolto unattività a tutto campo. Nel 1951 ha fondato i Quaderni di Sociologia e alla vigilia del 68 la combattiva Critica Sociologica

«La sociologia è la scienza dell’interconnessione dei vari aspetti della vita sociale reciprocamente condizionati. Una disciplina scomoda fondata su curiosità, la cui ambizione folle è quella di arrivare al significato profondo delle cose e chiarire la natura di molte complessità» (Franco Ferrarotti) «Si nasce minoritari, controcorrente, errabondi. Quasi come avere i capelli biondi o castani». Le pagine scritte da Franco Ferrarotti, padre della sociologia italiana nato a Palazzolo, aprono

5.28 MB Dimensione del file
8861840442 ISBN
Gratis PREZZO
Perché la sociologia? Incontro con Franco Ferrarotti.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.cmdbase.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Torino (1951) (ad opera di N. Abbagnano e F. Ferrarotti), la fon- dazione dell' Istituto ... Congresso mondiale di sociologia di Stresa, e gli altri incontri e dibattiti che ... Gianni Statera, con Franco Leonardi e Giandomenico Amendola. Le componenti ... Sarebbe esagerato dire che si giunse all'elezione perché ci si rese conto ... La società e l'utopia : Torino, Ivrea, Roma e altrove by Franco Ferrarotti( Book ) ... Al santuario con Pavese : storia di un'amicizia by Franco Ferrarotti( Book ).

avatar
Mattio Mazio

Franco Ferrarotti all'Huffpost: "Il piacere del potere è troppo intenso. Di Maio e Salvini dureranno per 5 anni" Intervista al sociologo. Gli scontri con Croce e Olivetti, il suicidio di Pavese

avatar
Noels Schulzzi

Delle quattro anime che Ferrarotti dichiara di avere, ossia quella di organizzatore industriale e deputato, che hanno a che vedere profondamente con il rapporto strettissimo che ebbe con Adriano Olivetti e oggetto di questo incontro, quella di diplomatico e di professore, sua la prima cattedra di sociologia in Italia, è naturale che sia quest’ultima a crearmi una certa apprensione.

avatar
Jason Statham

PERCHÉ LA SOCIOLOGIA INCONTRO CON FRANCO FERRAROTTI a cura di Umberto Melotti e Luigi Maria Solivetti Mondadori Università / La Sapienza Porteranno il loro saluto il Rettore della Sapienza prof. Luigi Frati, i presidi delle Facoltà di Sociologia prof. Luciano Zani e … 11573/63228 - 2009 - Perché la sociologia? Incontro con Franco Ferrarotti. Solivetti, Luigi Maria - 06a Curatela. libro: Perché la sociologia? Incontro con Franco Ferrarotti - (9788861840447) 11573/84517 - 2008 - Multiculturalismo e sicurezza: il caso dei cinesi a Roma.

avatar
Jessica Kolhmann

09/04/2011 · Qui il professore emerito Franco Ferrarotti della Università "La Sapienza" di Roma in una sua lezione a distanza sulla sociologia, la "scienza della società". Acquista i Libri di Franco Sociologo. Franco Ferrarotti nasce a Palazzolo Vercellese nel 1926; studia a Torino, Londra e Chicago, laureandosi all’Università di Torino in Filosofia nel 1950, con la tesi su “La sociologia in Thorstein Veblen”, sociologo americano di cui aveva tradotto “la teoria della classe agiata”. Dopo intense esperienze politiche e sindacali, nell’immediato dopoguerra, in nome della