Rischio e degrado ambientale in Italia.pdf

Rischio e degrado ambientale in Italia

U. Leone (a cura di)

Valle dAosta: Piccola è bello? - Piemonte: Val Bormida e Casale: due casi fra tanti - Lombardia: il rischio legato allo sviluppo - Veneto: il rischio tra uomo e natura - Trentino-Alto Adige: le viles della Val Badìa e larea del porfido in valle di Cembra - Friuli-Venezia Giulia: rischi naturali e nuove emergenze ambientali - Liguria: tanti rischi in poco spazio - Emilia Romagna: analisi del rischio e del degrado ambientale - Toscana: il punto sul maggiore rischio ambientale, lesondazione del Fiume Arno - Marche: rischio e inquinamento puntiformi - Marche: la questione idropotabile - Umbria: i molteplici aspetti del rischio - Lazio: luso illegale del territorio come causa prima del degrado ambientale - Abruzzo: una natura ostile, ma luomo non scherza - Molise: il dissesto soprattutto - Campania: una difficile scelta - Puglia: un rischio soprattutto umano - Basilicata: convivere con le frane - Calabria: appunti di viaggio attraverso il degrado - Sicilia: rischio ambientale e poli industriali - Sardegna: ambiente e sviluppo nel Sulcis-Iglesiente.

A Cuba conferenza sull’“equilibrio del mondo”, il Papa: la civiltà a rischio per il degrado ambientale. Messaggio ai partecipanti al IV incontro internazionale in corso a L’Avana Specie a rischio: i simboli dell’estinzione 12 Le nuove “relazioni pericolose” tra bracconaggio e criminalità 15 Foreste addio Italia: crocevia di traffici illeciti di natura Recenti sequestri nel mondo Natura Connection e i conflitti armati nel mondo 17 Come opera la criminalità organizzata di stampo ambientale

8.48 MB Dimensione del file
8855524526 ISBN
Rischio e degrado ambientale in Italia.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.cmdbase.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

La metà del parco nucleare transalpino, ben 29 reattori sui 58, versano in una condizione di “degrado”. A lanciare l’allarme in Francia è l’Autorità di sicurezza nazionale (Asn). “I reattori sono a rischio ruggine” afferma la stessa Asn.

avatar
Mattio Mazio

del degrado del capitale naturale ecc.). Ormai il concetto ... risultati economici, sociali, e ambientali e la loro divulgazione ai cittadini possa ... iN euroPa e iN italia aumeNtaNo i seGNali di malessere soCiale e amBieNtale. È. NeCessario uN ... soPrattutto iN amBito PolitiCo, Per valutare i risChi del “NoN fare” e l'eNtità delle. PDF | In Italia è custodita la maggior parte dell'intero patrimonio ... Con lo scopo di studiare gli effetti degli inquinanti e dei fattori ambientali sui be- ... di rischio dei due siti in termini di annerimento e degrado biologico in funzione. delle loro ...

avatar
Noels Schulzzi

28 nov 2018 ... Maggiore attenzione pubblica e giudiziaria. Negli ultimi ... Inquinamento e degrado ambientale, la riparazione del danno ambientale in Italia. Degrado ambientale A rischio il 'giardino d'Europa'? ... difesa e del ripristino del patrimonio ambientale, storico e paesaggistico italiano, messo a grave rischio ...

avatar
Jason Statham

Nella tabella 1 viene riportata a graduatoria delle regioni Italiane più a rischio, secondo l’indice sintetico calcolato in questo lavoro, in tre anni scelti. La graduatoria assume particolare interesse visto il ruolo operativo conferito alle regioni dal Piano d’Azione Nazionale contro la Siccità e la Desertificazione approvato in Italia da più di dieci anni.

avatar
Jessica Kolhmann

di rischio. Da ciò la conclusione che l'esposizione a rischio ambientale costituisce, di per sè, condizione sufficiente per l'insorgenza della tutela assicurativa, anche per gli impiegati e i dirigenti che svolgono attività esclusivamente intellettuale e non hanno, quindi, alcun rapporto diretto con le fonti di rischio.