Unioni civili e convivenze di fatto.pdf

Unioni civili e convivenze di fatto

M. Gorgoni (a cura di)

Dopo un travaglio lungo trentanni, lItalia si è data una regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e delle convivenze di fatto omo ed eterosessuali con L. 20 maggio 2016 n. 76 (G.U. 21 maggio 2016, n. 118). La disciplina si era ormai resa necessaria a seguito della condanna da parte della Corte Edu e dei moniti rivolti al legislatore da parte della Corte costituzionale. La presente opera è frutto della collaborazione di esperti del diritto di famiglia, dei diritti umani, di costituzionalisti e comparatisti. Il risultato è unanalisi lucida e approfondita dei nuovi istituti, ma anche una guida di valore operativo: alle modalità di costituzione e di scioglimento delle unioni

Le unioni civili, come la disciplina sulla convivenza di fatto, sono state introdotte dalla legge n. 76 del 20/05/2016, conosciuta anche come Legge Cirinnà. Questi istituti giuridici servono a dare tutela ai conviventi che scelgono di non unirsi in matrimonio, sia che si … LEGGE 20 maggio 2016, n. 76 Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze. (16G00082) (GU Serie Generale n.118 del 21-05-2016) note: Entrata in vigore del provvedimento: 05/06/2016

6.95 MB Dimensione del file
8891618462 ISBN
Gratis PREZZO
Unioni civili e convivenze di fatto.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.cmdbase.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Convivenze di fatto La Legge 76/2016 riguardante la: “Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze” dal comma 36 al comma 65 regolamenta le convivenze di fatto riguardanti sia coppie omosessuali che eterosessuali. Le unioni civili, come la disciplina sulla convivenza di fatto, sono state introdotte dalla legge n. 76 del 20/05/2016, conosciuta anche come Legge Cirinnà. Questi istituti giuridici servono a dare tutela ai conviventi che scelgono di non unirsi in matrimonio, sia che si …

avatar
Mattio Mazio

Convivenze di fatto La convivenza di fatto regolata dalla legge n. 76/2016 ha una natura diversa dalle unioni civili e non modifica lo stato civile delle parti. Il cittadino italiano residente all’estero può dichiarare la “convivenza di fatto” con persona dello stesso sesso o di sesso diverso presso l’Ufficio consolare competente per residenza. 03/05/2020 · La nuova legge 20 maggio 2016 n. 76 ha riformato il diritto di famiglia introducendo le unioni civili per le coppie dello stesso sesso, da un lato, e la possibilità per le coppie conviventi, indipendentemente dal sesso dei loro componenti, di regolare gli …

avatar
Noels Schulzzi

Dopo aver analizzato gli aspetti principali delle unioni civili e delle convivenze di fatto e averli paragonati entrambi al matrimonio, è facile dedurre le differenze che passano tra i due istituti. Le unioni civili sono state concepite per la tutela delle coppie omosessuali le quali a lungo sono state destinatarie di un trattamento differente rispetto alle coppie eterosessuali.

avatar
Jason Statham

Unioni civili e convivenze di fatto. In data 5 giugno 2016 è entrata in vigore la Legge 20 maggio 2016 n. 76 ( G.U . 21.5.2016 S.G.. n. 118) riguardante la “ Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze

avatar
Jessica Kolhmann

Con la legge Cirinnà anche in Italia è stata introdotta la disciplina relativa alle unioni civili e alle convivenze di fatto.Da tempo, l’Europa chiedeva all’Italia di introdurre una normativa che regolasse i rapporti tra coppie conviventi sia eterosessuali che dello stesso sesso.