La verità del male. Eichmann prima di Gerusalemme.pdf

La verità del male. Eichmann prima di Gerusalemme

Bettina Stangneth

Accolto con clamore in tutto il mondo, e cinquantanni dopo La banalità del male, questo libro capovolge limmagine di Eichmann e del nazismo data da Hannah Arendt. Il gerarca nazista Adolf Eichmann, dopo la fine della seconda guerra mondiale, fuggì in Argentina e lì visse nascosto finché non venne catturato dai servizi segreti israeliani e portato a Gerusalemme per il celebre processo. Bettina Stangneth, filosofa tedesca esperta di inganno e manipolazione, ne ha seguito le tracce lasciate durante la sua latitanza, rintracciando i suoi nascondigli e portando alla luce documenti segreti e dettagli inediti, svelando così le abili macchinazioni con cui uno dei principali architetti della Shoah, che egli riteneva il suo capolavoro, definì se stesso funzionario dordine e piccolo ingranaggio nella macchina di annientamento nazista. Stangneth dimostra che limmagine di grigio burocrate, inetto e poco intelligente, della quale si convinse Hannah Arendt, che così lo raccontò a milioni di lettori, fu in realtà studiata a tavolino dallo stesso Eichmann, abile manipolatore sociale che sperava in questo modo di aver salva la vita. Non ci riuscì, ma riuscì - fino a oggi - a perpetrare un inganno ancora più terribile: farci credere che il diavolo non esiste.

Bettina Stangneth è una storica e filosofa tedesca, autrice di La verità del male – Eichmann prima di Gerusalemme (LUISS). Società · Bettina Stangneth ...

1.69 MB Dimensione del file
8861052711 ISBN
Gratis PREZZO
La verità del male. Eichmann prima di Gerusalemme.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.cmdbase.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

«L'imputato non può essere processato a Gerusalemme!» ... Prima del processo Eichmann per i sopravvissuti emigrati in Israele la Shoah era una vergogna. ... 25 ARENDT, Hannah, La banalità del male. ... Al di là della verità processuale, egli fu veramente artefice della gran parte delle attività di cui fu accusato; essere ...

avatar
Mattio Mazio

Bettina Stangneth, nel suo La verità del male. Eichmann prima di Gerusalemme (edito per la prima volta in Germania nel 2011, ora uscito in Italia con la bella traduzione di Antonella Salzano grazie al Goethe Institut e al Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Federale Tedesca), dipinge invece così l’Obersturmbannführer (tenente

avatar
Noels Schulzzi

La verità del male Antonio Donno Otto Adolf Eichmann non fu solo un grigio, insignificante esecutore di ordini, ma un vero "creatore" di sterminio. E' quanto emerge dalla lettura del libro di Bettina Stangneth, La verità del male. Eichmann prima di Gerusalemme, ora fortunatamente edito in …

avatar
Jason Statham

Ricerche e studi più recenti, a partire dal fondamentale libro di Bettina Stangneth (La verità del male. Eichmann prima di Gerusalemme, Luiss University Press), hanno fortemente ridimensionato l’approccio di Arendt, soprattutto riguardo al secondo punto: l’imputato … “La verità del male. Eichmann prima di Gerusalemme” (Luiss University Press), la ricerca di Bettina Stangneth che ribalta la celebre tesi di Hannah Arendt sulla “banalità del male”, non è libro che possa essere facilmente ignorato. Innanzitutto per la mole, frutto di un notevole lavoro di documentazione, e che a prima vista potrebbe spaventare. In… leggi

avatar
Jessica Kolhmann

È uscito in traduzione italiana "La verità del male. Eichmann prima di Gerusalemme", in cui si racconta l'ex Ss durante la latitanza e si critica Hannah Arendt per essere «caduta nella trappola»